Come Calcolare Facilmente e Senza Errori i Contributi della Tua Colf Badante o Domestica

By | settembre 20, 2015

contributi colf badantiCOME CALCOLARE I CONTRIBUTI DI COLF BADANTI E DOMESTICI PER IL VERSAMENTO DEL 10 OTTOBRE 2015.

CON ESEMPIO DI CALCOLO!

Il 10 ottobre scade il versamento dei contributi dovuti per le colf, le badanti e i lavoratori domestici in genere, relativi al trimestre luglio-agosto-settembre 2015.

L’importo dei contributi da versare si ottiene moltiplicando il CONTRIBUTO ORARIO per il monte ore lavorate-retribuite fino all’ultimo sabato del trimestre al lavoratore.

Per ore lavorate e retribuite si devono intendere non solo quelle lavorate, ma anche quelle che danno comunque diritto alla retribuzione; ad esempio le ore di: malattia, ferie, festività, ferie non godute, etc. (mentre sono da escludere quelle di infortunio carico inail, maternità, malattia periodo carico inps, permessi non retribuiti e aspettative non retribuite).

CONTRIBUTI COLF BADANTI DEL TRIMESTRE = ORE RETRIBUITE X CONTRIBUTO ORARIO

La contribuzione (contributo orario) per il 2015 è la seguente (tabella inps):

contributi colf badanti inps
Come si può notare in tabella l’ammontare dell’importo del contributo orario è suddiviso in 4 fasce:
3 correlate all’ammontare della retribuzione effettiva corrisposta e una relativa ai rapporti di lavoro che, indipendentemente dall’importo della retribuzione, hanno un orario di lavoro superiore alle 24 ore settimanali.

Il valore della retribuzione oraria effettiva si determina aggiungendo all’importo orario della retribuzione, la quota oraria del rateo della tredicesima mensilità e dell’indennità giornaliera di vitto e alloggio.


Facciamo un esempio

Il Caso: COLF con retribuzione oraria pari a 6,31€, con orario di 20 ore distribuite su 5 giorni a settimana, con vitto e alloggio.

Per stabilire la fascia contributiva da prendere a riferimento, dobbiamo trovare il valore della paga oraria effettiva.
E’ necessario quindi aggiungere i valori convenzionali di vitto e alloggio e la quota della tredicesima, ripartiti su base oraria, all’importo orario della retribuzione pari a 6,31€.

Il valore convenzionale di vitto e alloggio è per il 2015, pari a 5,44€ al giorno.
Stabiliamone l’importo orario: 5,44€*5giorni:20oredilavoro=importo orario di vitto e alloggio= 1,36€

Determinato ciò, passiamo a calcolare la quota oraria della tredicesima mensilità:
(6,31€+1,36€):12mesi=quota oraria 13^=0,639€.

A questo punto, sommiamo la retribuzione oraria con il valore orario del vitto e alloggio e della tredicesima:6,31€+1,36€+0,639€=8,309€. QUESTA E’ LA NOSTRA RETRIBUZIONE ORARIA EFFETTIVA DI RIFERIMENTO.

Se controlliamo la tabella contributiva inps in vigore, possiamo verificare che ci collochiamo nella seconda fascia contributiva (quella intermedia da 7,88 a 9,59€) e che il contributo orario è pari a 1,57€.

Tale importo è da moltiplicare per le ore retribuite nel trimestre (si deve fare riferimento alle settimane da domenica a sabato cadenti nel trimestre).

Nel trimestre che stiamo analizzando, le ore da prendere in considerazione sono quelle del periodo dal 28/6/2015 al 26/9/2015, per un totale di 13 settimane.

Nel nostro esempio avremo: 20ore*13settimane=260 ore

260 ore x 1,57€dicontribuzione= 408,20€ di contributi da versare.
Ricordate!: se il numero delle ORE del trimestre non è un numero intero ma viene con decimali, bisogna arrotondare per eccesso, ovvero all’unità superiore.

Inoltre, se nel rapporto di lavoro si fa riferimento al CCNL domina-fidaldo, si è tenuti al versamento della contribuzione assistenziale ed assicurativa integrativa denominata CASSACOLF, pari a 0,03€ orari.

Nel caso analizzato= 260ore*0,03€= 7,80€

Quindi, il versamento dei contributi per la colf, dovrà essere effettuato, entro il 10 ottobre, a mezzo MAV di importo pari a 408,2+7,8=416€


 

contributi colf badanti scadenzaRICORDA! => il versamento dei contributi della tua colf badante o domestica va eseguito entro il 10 ottobre, anche se sabato, in quanto lo slittamento della data di scadenza al giorno successivo è ammesso solo nel caso in cui cada di domenica o in una giornata festiva.

La finestra temporale concessa dall’inps per il versamento è dal 1 al 10 ottobre; non si possono versare né prima né dopo (in quest’ultimo caso potrebbero essere emesse sanzioni per ritardato o se il caso, per mancato versamento).
PER QUALSIASI INFORMAZIONE CONTATTAMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *