Perchè Lei si e io no?…La domanda che la tua colf non deve fare mai

By | aprile 15, 2017

prevenire meglio curare colfincasa domestico bandateTi è mai capitato di farti questa domanda?

Penso proprio di si. Ogni tanto ce la facciamo tutti.

Anche alcune colf e bandanti se la fanno.

Soprattutto il mercoledì sera, quando ritornano a casa dopo aver passato il pomeriggo libero con le altre loro amiche.

A me è capitato, che all’Ispettorato durante una conciliazione, una colf abbia detto “Perchè a lei avete pagato il trattamento di fine rapporto e a me no?” ….Perchè lei si e io no?

E l’Ispettore del lavoro ha girato la stessa domanda al capo famiglia per cui la governante lavorava.

“Perchè a questa signora non avete pagato la liquidazione-trattamento di fine rapporto?”

Abbiamo provato a spiegare che la liquidazione era già compresa nella retribuzione mensile ma non avevamo fogli scritti (nè cedolini paga) per provare l’accordo tra il mio cliente e la sua ormai ex colf.

Così, nell’imbarazzo generale, e con la coda tra le gambe abbiamo dovuto pagare il trattamento di fine rapporto.

 

Quindi attenzione! Evita che la tua  colf,domestica o la badante dei tuoi genitori possa farsi la domanda PERCHE’ LEI SI E IO NO?

Devi arginare questa eventualità.

 

…e…se non vuoi rischiare di dover rinunciare al viaggio a Santo Domingo che hai  in programma con la tua famiglia o….

……non vuoi dover sbloccare i soldi che hai messo in qualche fondo per la tua vecchiaia…segui il mio consiglio….=>

  1. Metti per iscritto le tue condizioni (purchè siano lecite!) e fai ben capire alla tua domestica quello che vi è contenuto. Non cadere nella trappola delle cose dette a voce, dei patti verbali, e dell'”eravamo d’accordo.

  2. Fai il cedolino regolare ogni mese.

  3. Periodicamente fai controllare quello che stai facendo da solo (perchè lo so, che molti di voi “fa tutto da solo”) ad un professionista.

 

Prevenire è meglio che curare.

 

Alla prossima e buona Pasqua…

 

..sii pardone in casa tua!!!!  🙂

 

Luca Pasini

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *